Chiesa di San Bernardo alle Terme: la chiesa senza finestre...

All'interno della struttura delle Terme di Diocleziano si apriva uno spazio dedicato al "gioco della palla ("spheristerium) che divenne, nei secoli successivi una chiesa e affidata all'ordine francese dei cistercensi, i "Foglianti"nel 1598, per intercessione di Caterina Sforza; successivamente alla rivoluzione francese, la struttura e il suo annesso monastero vennero ceduti a Bernardo da Chiaravalle, a cui venne dedicata la chiesa; Di forma cilindrica con una cupola simile al Pantheon, è nota per non avere finestre, e la luce proviene dall' oculo della cupola. L'interno della chiesa presenta similitudini con lo stile del Palladio: la caratteristica dominante è il bianco sia delle pareti che della volta che viene accentuato dalle luce, creando un gioco di chiaroscuri con il resto degli stucchi e decorazioni; Otto grandi statue circondano l'interno della chiesa e raffigurano, partendo da destra: Sant'Agostino, Santa Monica, Santa Maria Maddalena, San Francesco, San Bernardo, Santa Caterina d'Alessandria, Santa Caterina da Siena e San Girolamo; San Girolamo e le due Sante Caterina, fanno parte dell'ordine cistercense e si riferiscono al nome della fondatrice della Chiesa, Caterina Sforza; relativamente ai dipinti abbiamo la pala d'altare raffigurante San Bernardo in Estasi abbracciato da Gesù Crocifisso, opera di Giovanni Odazzi, mentre sull'altare posto nella parte opposta troviamo un dipinto raffigurante Lo Sposalizio mistico di San Roberto con la Vergine; la scelta di questi santi non è casuale: San Roberto è fondatore, insieme a Sant'Alberico e Santo Stefano dell'Ordine cistercense; interessante la struttura dell'altare maggiore, ricavato in una apertura del vano circolare. Presso l'ingresso che conduce alla cappella di San Francesco, troviamo il monumento funebre di Jean de la Barrière, fondatore dei Foglianti, monaci riformati cistercensi nel 1626; la tela al centro è attribuita al grande artista Andrea Sacchi e viene considerata una delle sue opere più riuscite; da ricordare il monumento funebre a Friedrich Overbeck, fondatore del movimento dei Nazareni. A tutt'oggi i cistercensi si occupano del culto e della custodia della chiesa.


ENGLISH:


St. Bernard's Church at the Baths: the church without windows...



Inside the structure of the Baths of Diocletian was opened a space dedicated to the "game of the ball (spheristerium) that became, in the following centuries a church and entrusted to the order French of the Cistercensi, the "Foglianti" in 1598, by the intercession of Caterina Sforza; After the French revolution, the structure and its monastery were ceded to Bernardo by Chiaravalle, to whom the church was dedicated; the cylindrical shape of a dome is very similar to the Pantheon, and the church is known to have no windows and the light comes from the oculus of the dome. The interior of the church has similarities with the style of Palladio: the dominant feature is the white of both the walls and the vault that is accentuated by the lights, creating shadows and light like "chiaroscuro" with the rest of the stucco and decorations; Eight large statues surround the interior of the church and depict, starting from the right: St. Augustine, Santa Monica, St. Mary Magdalene, St. Bernard, St. Catherine of Alexandria, St. Catherine of Siena and St. Jerome; St Jerome and the two Saints Catherine are part of the Cistercense order and refer to the name of the founder of the Church, Caterina Sforza; in relation to the paintings we have the altarpiece depicting St. Bernard in Ecstasy embraced by Jesus Crucifix, the work of Giovanni Odazzi, while on the altar placed at the opposite side we find a painting depicting The Mystical Wedding of St. Roberto with the Virgin; the choice of these saints is not accidental: St. Robert is the founder, along with St. Alberico and St. Stephen of the Cistercense Order; interesting the structure of the main altar, made from an opening of the circular compartment. At the entrance to the chapel of St. Francis, we find the memorial of Jean de la Barrière, founder of the Foglianti, reformed monks Cistercian in 1626; the canvas at the center is attributed to the great artist Andrea Sacchi and is considered one of his most successful works; let's remember the important memorial to Friedrich Overbeck, founder of the Nazarene movement. To this day, the Cistercense order deals with the worship and custody of the church.

  • Instagram

©2020 by Laura Spinelli. Proudly created by lauraromeguide